Isole Eolie

Le Isole Eolie terre di profumi e sapori - luoghi dove l’immaginazione cede il passo alla realtà

La Sicilia, Terra di profumi e sapori, scopriamola partendola da Napoli nel periodo compreso da Giugno a Settembre a bordo delle performanti e confortevoli unità veloci della flotta Alilauro godendo di un elevato confort di viaggio e della professionalità di equipaggi che della sicurezza e della soddisfazione dell’ utenza ne fanno la propria ragion d’essere rintaniamoci così in un luogo unico che la natura intese donarci e che mai nessun uomo ha sottomesso.

 

A fare da cornice a questo incantevole scenario ci pensano tre immense fratture di origine vulcanica che si intersecano nelle profondità marine tra Lipari, Salina e Panarea, formando l’arcipelago delle Isole Eolie. Proclamate nel 2000 dall’ UNESCO Patrimonio dell’ Umanità, per i peculiari aspetti vulcanici di Lipari, Salina, Vulcano, Stromboli, Panarea, Alicudi e Filicudi, le sette sorelle sono disposte come a formare una grande lettera Y di cui Vulcano è l'stremità sud, Alicudi l'estremità ovest, Stromboli l'estremità est. Enormi navi di pietra che vanno immote per un mare che da millenni narra i miti fondanti della nostra cultura. Un mito che a partire dall’otre dei venti donato a Ulisse dal dio Eolo, che qui, secondo Omero, intese fissare la sua dimora conquistato dall’ immensità degli spazi e dagli inebrianti profumi caratteristici di questi luoghi, continua a vivere negli eoliani che da esso traggono linfa vitale.

 

Chi arriva alle Eolie giunge convinto di essere un turista, in pochi attimi, quando, i ricordi, le emozioni, saranno più forti di qualunque immagine, fissa o in movimento, che possa registrare, scoprirà che in questo paradiso vengono in vacanza gli dei – si dice che usino il fumo dei vulcani per scendere a godersi queste meravigliose isole, abbandonando l’ambrosia per la marvacìa - e Zeus, Afrodite, Dioniso, Ermes, quelli non possono certo essere fotografati. L’arcipelago eoliano è un arcobaleno di pietra: Stromboli, l’isola della passione, circondata da un’aureola di gabbiani, trova nel il fuoco il suo elemento simbolo. Si dice che Efesto abbia scelto Stromboli come sua terra - quella che si lascia corteggiare dal mare ed esplode con tutta la passione del fuoco…

 

 





WE ARE SOCIAL