BOOKING 0814972238

Donne e nuove Tecnologie i valori su cui puntare

Quale sarà il ruolo delle donne nel comparto marittimo nei prossimi anni ?

Dal ruolo delle donne nel comparto marittimo, agli investimenti della Lauro per la sicurezza e per le nuove tecnologie. Gli studenti dell’istituto nautico Duca degli Abruzzi hanno rivolto numerose domande agli esperti della holding. Quesiti a cui hanno risposto Fabio De Rosa e Patrizio Sorrentino. “C’è sempre bisogno di forze giovani in azienda, abbiamo necessità di personale di macchina e di coperta, tutti assunti con regolare contratto. Bisogna essere ben formati e questo istituto ha visto diplomarsi noti comandanti. Basta frequentarlo con profitto, seguire tutte le attività curriculari ed extracurriculari”. Focus sulla sicurezza, con la spiegazione delle strumentazioni di bordo e le procedure da eseguire, e poi sulla tutela ambientale: “Abbiamo progetti con note aziende internazionali per i motori a gas e per lubrificanti che migliorino l’impatto ambientale, investiamo su questo fronte, così come sulle nuove tecnologie”. A proposito del digitale, gli esperti Lauro si sono soffermati sulla App del gruppo: “È possibile acquistare biglietti, essere informati sugli orari delle corse, ma anche sugli eventi turistici del territorio grazie alle ‘reti di impresa’ perché solo sinergicamente si possono garantire adeguati servizi ai passeggeri, siano essi pendolari o turisti”. Impiego in mare ma anche a terra, soprattutto per gli allievi della logistica richiesti nelle agenzie marittime, nei terminal portuali e crocieristici per l’assistenza completa ai passeggeri. E le donne? “Il settore marittimo, come avvenuto ad esempio per i corpi militari, si sta aprendo alle figure femminili. In alcuni settori sono proprio le donne ad avere maggiori doti e ne siamo felici. L’importante, per ragazzi e ragazze è avere carattere e capacità, voglia di impegnarsi e crescere. A partire dal primo colloquio di lavoro o dalla presentazione del curriculum, che è il proprio biglietto da visita”. 

( da Il Mattino del 21.4.2017 )

WE ARE SOCIAL